Il racconto e lo spazio-tempo in Feydeau

Il presente frammento è tratto dal saggio breve di Violaine Heyraud, Le récit chez Feydeau: impossible et nécessaire, pubblicato in Loxias, Loxias 12, 07 mars 2006. La traduzione è mia.

feydeauchimicaSe le metafore del biliardo o della chimica vengono spesso utilizzate per indicare il susseguirsi delle peripezie nelle opere di Feydeau è perché tutto sembra dipendere da un determinismo interno all’azione stessa: i personaggi e gli avvenimenti rappresentano un insieme di forze combinatorie che non devono far altro che entrare in collisione e sbrogliare la matassa da sole. Michel Corvin parla addirittura di autismo[1] del teatro di Feydeau. Dal punto di vista spaziale, queste commedie consentono poche fughe verso l’esterno. Bertrand Tavernier ritiene che si tratti di un preconcetto estetico:

Feydeau è molto difficile da adattare per il cinema. O altrimenti, nel caso in cui si decida di farlo, bisogna rispettarlo. Tutto sta nel ritmo e nella scenografia. Non bisogna assolutamente cercare di “aerarlo” come si è sempre voluto[2].

Il racconto permette quindi di convocare, attraverso la diegesi, quello spazio esterno sempre assente nell’universo delimitato del vaudeville. La folla entra così nello spazio chiuso, come nel caso della pièce Il nastro:

Paginet […] Poi grida, e uomini ovunque! Mi hanno preso, mi hanno portato via, e tutto intorno a me sento elogi! grida di entusiasmo![3]

Il racconto introduce spazi esterni difficili da rappresentare che, sotto la penna di Feydeau, assumono anche significati metaforici: nell’esposizione de Il nastro il racconto sembra aneddotico:

Paginet […] Come al solito ho cenato là, al ristorante sul lago. C’era un grande banchetto di reazionari.[4]

Sarà proprio la malcapitata presenza in questo luogo a compromettere le possibilità del protagonista di ottenere la Legione d’onore, e Feydeau sembra sottolineare con ironia che esattamente come il ristorante anche l’affare è andato a monte (in francese tomber dans le lac (cadere nel lago) significa appunto andare a monte, N.d.T.). Il racconto permette quindi all’autore di giocare con l’immaginazione dello spettatore e arricchisce, tramite un’evocazione succinta, il senso dell’azione.

Il nastro - Feydeau

Il nastro di Georges Feydeau (bozzetto di scena)

Il racconto, tuttavia, genera le maggiori conseguenze anche e soprattutto sul piano temporale. Esattamente come lo spazio, la temporalità è satura. L’utilizzo del racconto permette di raggiungere un doppio obiettivo. Il primo è di dare l’impressione che il tempo tra l’intervallo dei diversi atti si sia riempito di avvenimenti, come se tempo scenico e tempo reale coincidessero, il secondo è che evitando di mostrare gli episodi secondari si infonde più vigore all’evento narrato: la sua forma condensata genera un effetto più comico di quello che comporterebbe la visione di questo tipo di episodi. Vedesi ad esempio l’inizio del secondo atto di Champignol suo malgrado in cui Saint-Florimond entra in scena subito dopo essere stato integrato, a forza, nell’esercito:

Saint-Florimond […] Mi hanno vaccinato!… proprio io che ho il terrore delle punture! Ho passato tutta la notte a grattarmi! Così, per farmi riprendere, mi hanno messo a dormire sulla panca in prigione con una selezione di gente maleducata. Sono stato divorato dai parassiti[5].

Champignol suo malgrado

Il racconto permette di aggiungere, a piacimento, una serie di avvenimenti supplementari. E modifica anche le condizioni dell’azione. La diegesi impone un cambiamento di ritmo a questi enunciatori così spesso pronti a reagire e a rispondere. Del resto, in numerose occasioni, non ci si dà nemmeno il tempo di raccontare le cose. È nascondendo che si mantengono i fraintendimenti. Alla fine del secondo atto di La pulce nell’orecchio, il quiproquo principale si risolverebbe subito se Lucienne si prendesse il tempo di spiegare che non è stata lei a scrivere la lettera d’amore a Chandebise:

Lucienne La mia lettera! Quale lettera?
Chandebise Ma quella che mi avete scritto dicendomi che mi davate appuntamento qui!
Lucienne (capendo) Ah! (Cambiando tono) Ma cosa vi fa supporre che sia stata io a…
Chandebise Eh, beh, perché, siccome non lo sapevo, l’ho mostrata a vostro marito!
Lucienne (facendo un balzo all’indietro) Eh! […] Svignamocela, svignamocela![6]

Questo breve scambio determina la fuga immediata di Lucienne. L’assenza del racconto permette di posticipare la risoluzione del quiproquo che verrà chiarito solo nell’ultima scena della pièce. Non appena si intravede la possibilità di un miglioramento della situazione, questa stessa possibilità scompare e come sottolinea Leonard Pronko:

Come al solito, Feydeau impila le complicazioni una sull’altra, e gli incontri che dovrebbero chiarire una volta per tutte le cose finiscono per generare ancora più confusione.[7]

La pulce nell'orecchio

Quando Feydeau sceglie di avvalersi di un racconto completo, spesso l’obiettivo è giocare sulla temporalità. All’inizio de Il Tacchino, Lucienne, corteggiata da Pontagnac, riassume gli avvenimenti per la moglie di quest’ultimo con un rigore quasi da detective e arrivando a parlare di se stessa in terza persona:

Lucienne […] Mai, prima di oggi, aveva messo piede in questa casa, e se oggi l’avete incontrato qui sappiate che il motivo è ben diverso dall’amicizia: stava seguendo una donna fin dentro il suo salotto.[8]

Questo racconto sbrigativo chiarisce subito il fraintendimento in modo da spostare l’attenzione sul seguito dell’intreccio, ovvero trovare il sistema di far cadere in trappola lo sposo volubile. All’opposto, ne Il matrimonio di Barillon, il racconto del marinaio permette di posticipare l’istante in cui bisognerà confessargli che durante la sua assenza la moglie si è risposata:

Jambart Il mio viaggio? Ah, è stata un’odissea!
Barillon Beh! su! faccia con comodo! faccia con comodo![9]

Diluito o ampliato, il racconto risponde alle esigenze della macrostruttura denotando la massima attenzione dell’autore nell’armonizzare la temporalità della pièce, sia essa fondata sull’urgenza, come nel caso de Il Tacchino, o sui contrattempi, come nel caso de Il matrimonio di Barillon. Per integrarlo nell’insieme è dunque necessario comporre un racconto vivo.

Note:
[1]
Michel Corvin, Lire la comédie, Paris, Dunod, 1994, p. 141.
[2] Bertrand Tavernier, « Abécédaire » in Comédie Française, Feydeau comédies en un acte, N° 139-140, mai-juin 1985, p. 35.
[3] Georges Feydeau, Le Ruban, in Œuvres complètes II, Paris, Classiques Garnier, 1988, acte III, scène 17, p. 329.
[4] Ibid., acte I, scène 6, p. 258.
[5] Champignol malgré lui, in Œuvres complètes I, op. cit., acte II, scène 6, p. 1041.
[6] Georges Feydeau, La Puce à l’oreille, in Œuvres Complètes III, Paris, Classiques Garnier, 1988, acte II, scène 10, p. 614.
[7] Leonard C. Pronko, Georges Feydeau, New York, Frederick Ungar Publishing Co., « World Dramatists », 1975, p. 162.
[8] Le Dindon, in Œuvres complètes II, op.cit., acte I, scène 10, p. 492.
[9] Le Mariage de Barillon, in Œuvres complètes I, op. cit., acte II, scène 16, p. 809.

Biografia dell’autrice: Ex allieva dell’École normale supérieure della rue d’Ulm, insegnante di lettere e Dottore in Scienze dello spettacolo, Violaine Heyraud è professore incaricato di letteratura francese presso l’Università Sorbonne Nouvelle – Parigi 3 e membro del Centre de recherche sur les poétiques du XIXe siècle. Nel 2012 ha pubblicato, per i tipi di Classiques Garnier, Feydeau, la machine à vertiges. Nel 2015, assieme a Ariane Martinez, ha curato, per i tipi di ELLUG, l’opera collettiva Le vaudeville à la scène. Attualmente prosegue i suoi studi sulla poetica e l’estetica della commedia.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...