Lettera di Georges Feydeau a Jules Huret del 1901

Feydeau da bambinoLa presente lettera è stata scritta da Georges Feydeau nel 1901 e indirizzata all’amico Jules Huret che, quello stesso anno, la pubblicò sulla rivista Loges et coulisses. La traduzione è mia.

Caro amico,

Mi avete chiesto di scrivervi a ruota libera e a ruota libera vi rispondo!

Innanzitutto, cerchiamo di fare mente locale sul nostro questionario poiché, con la tipica ossessione per l’ordine che mi caratterizza, l’ho riposto talmente bene da non ricordarmi più dove l’ho messo.

Domanda: Dove mi trovo in questo momento?

Risposta: Da otto giorni sono all’estero, a Parigi! Ma non ci resterò a lungo, poiché ho paura di disimparare il francese; la prossima settimana parto per il Midi: l’estate è davvero troppo rigida a Parigi, non esiste nemmeno, fa un freddo tremendo.

D: Fanno bene i direttori dei teatri a battersi contro i caffè-concerto?

R: Altroché! Come i caffè-concerto fanno bene a battersi contro i teatri.

D: I caffè-concerto arrecano davvero un danno ai teatri?

R: Su questo non c’è dubbio! Champignol suo malgrado ha raggiunto le 560 repliche, Il tacchino, L’Hotel del Libero Scambio, Il signore va a caccia, La palla al piede, sono invece state rappresentate circa un migliaio di volte: “Ah! Cos’avrei mai fatto senza quei benedetti caffè-concerto!…”.

D: Quale sarà lo stile dello snobismo al Théâtre de l’Œuvre quest’inverno?

Germaine, figlia di FeydeauR: Innanzitutto bisognerebbe ammettere che lo snobismo possiede un proprio stile, e allora non si tratterebbe più di snobismo. Ora, poiché esso non obbedisce a uno stile ma a una parola d’ordine, ponete la domanda a quelli che tali parole le determinano.

D: Ritenete che il dramma storico e in versi non abbia futuro?

R: Non credo che il problema sia tanto il non avere un futuro quanto il non avere spettatori.

D: Pensate che il numero di autori drammatici a cui viene attribuita un’onorificenza sia abbastanza alto?

R: Per quanto riguarda la nomina a cavaliere, direi di sì. Ma la nomina a ufficiali?…

D: Conoscete un sistema per convincere le donne a togliersi il cappello quando sono a teatro?

R: Ne conosco uno solo. Dichiarare che le ultraquarantenni sono le uniche autorizzate a tenerselo in testa.

Un caro saluto,

Georges Feydeau

Parigi, 21 agosto 1901

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...